design
design>

Ottimizzare gli spazi grazie a cucine compatte di design

La soluzione d’effetto per valorizzare un ambiente piccolo? Per un monolocale e mini case invidiabili, le cucine compatte di design sono la risposta vincente

Quando l’open space deve trasformarsi in cucina, camera da letto e anche zona living a seconda delle ore della giornata, è fondamentale puntare su comfort, funzionalità e versatilità. Ecco quindi come le cucine compatte di design possono diventare la soluzione migliore per spazi ridotti.

Le mini case, un nuovo trend a stelle e strisce

Costruite con materiali completamente ecologici, realizzate con cemento mangia-smog o dotate di facciate in vetro per godere della luce naturale: le tiny houses sono l’ultima tendenza americana (e giapponese) in fatto di abitazioni, un’alternativa chic amica dell’ambiente.

Le micro case sono piccoli gioielli dall’estetica innovativa, mini residenze di lusso con numerosi benefit. Innanzitutto sono pratiche e funzionali, nonostante siano molto compatte (misurano al massimo 40 mq). Le dimensioni ridotte, infatti, non sottraggono spazio al confort. Offrono infatti tutti gli accessori necessari a semplificare e rendere piacevole la vita di chi le abita. In genere sono iperconnesse e tecnologiche, un luogo perfetto anche per lo smart working. Il principale punto di forza di queste minuscole ed eleganti dependance è però un altro: rappresentano una scelta edilizia sostenibile al 100%. Sono autosufficienti grazie alla presenza di pannelli solari che forniscono la quantità di energia necessaria e il loro impatto ambientale è estremamente ridotto poiché consumando poco inquinano meno.

Al momento sono esclusivamente made in USA, ma in generale rispecchiano i cambiamenti negli stili di vita delle famiglie moderne: le esigenze si stanno trasformando, e di conseguenza le soluzioni proposte da architetti e designer che sempre più spesso devono confrontarsi con soluzioni all’avanguardia per spazi ridotti.

Cucine compatte di design, come valorizzarle

Che si tratti di una tiny house o di un piccolo appartamento, la cucina è senza dubbio lo spazio più versatile della casa. Come fare quindi per renderla accogliente e funzionale, sfruttando al massimo gli spazi ridotti? Se hai a disposizione un unico open space la soluzione a scomparsa per la tua cucina piccola di design è molto pratica. Le cucine mini per monolocali possono essere nascoste dietro a una porta scorrevole o a soffietto, ad ante con apertura a libro o rientranti nei fianchi. Esistono addirittura delle serrande manovrabili tramite evoluti sistemi di domotica.

I frigoriferi Side by Side costituiscono un capitolo a sé. A differenza dei modelli ad incasso, valorizzano l’elettrodomestico stesso senza farlo scomparire nella linearità del mobile cucina. Il design esclusivo si coniuga perfettamente con funzionalità all’avanguardia e un’incredibile capacità.

Per mettere in risalto il mobile conviene invece affidarsi ai colori. I pensili a muro possono essere valorizzati da una tonalità più impegnativa; oppure si può puntare sul contrasto di chiaro e scuro, optando ad esempio per una cucina total white su una parete tinta ardesia. I materiali sono un altro elemento essenziale. Se il vetro alleggerisce, il legno riscalda l’ambiente. Metallo e acciaio sono d’effetto e allo stesso tempo facili da pulire, perfetti per cuochi professionali. L’eco-cemento dà invece un chiaro effetto urban all’ambiente.

Imprescindibili anche i punti luce che possono essere moderni led a scomparsa o grandi lampadine vintage dall’illuminazione più avvolgente. Non può mancare infine l’equilibrio delle linee: spazi vuoti e pieni, altezze e sporgenze diverse regalano volume e dinamismo alle cucine compatte di design.

Consigli salvaspazio per una cucina piccola di design

Sono molti i consigli per rendere ancora più funzionale le cucine compatte di design. Innanzitutto puoi optare per delle piccole mensole, sia sul lavandino che sul piano cottura. Anche all’interno dei pensili puoi usare pratiche soluzioni mobili. Poi ti conviene sfruttare al massimo la verticalità, evitando però di creare un ambiente soffocante.

Per guadagnare pochi ma utili centimetri, puoi scegliere ante con gole invece che con maniglie, una cappa a scomparsa, un lavello filotop e un piano a induzione al posto di quello a gas. Il tavolo può essere un semplice snack, volendo a scomparsa, o una penisola scorrevole.

Devi inoltre ricordare che esistono cucine componibili con profondità ridotta. Se normalmente i moduli sono larghi 60 cm, la misura precisa degli elettrodomestici standard è di 56 cm: puoi quindi procedere con l’inserimento delle basi a filo parete. Esistono inoltre lavelli e piastre da 45 cm.

Molto interessante tutto quanto ha a che fare con la divisione degli ambienti. La cucina si può ad esempio trasformare in una parete che separi la zona notte. E se c’è bisogno di un separé con il soggiorno? Semplice, scegli una penisola con fornelli non troppo larga, da usare come bancone. Sarà perfetta!