trend-setter
trend-setter>

Lenzuola ricamate a mano: dalla tradizione italiana a quella internazionale

Una panoramica alla scoperta delle tecniche di ricamo delle lenzuola, tramandate di generazione in generazione

L’arte del ricamo ha accompagnato la storia di intere comunità, travalicando i confini ed evolvendosi nelle diverse epoche. Conoscere una delle più raffinate forme di artigianato esistenti ti permette di scegliere originalissimi pezzi di arredamento, in particolare per la camera da letto.

Un tocco d’eleganza in camera da letto

L’arte del ricamo è tutta nelle mani del ricamatore, che con maestria realizza accurate composizioni, trasformando anche un semplice lenzuolo in un prodotto di alta qualità.

La destrezza delle dita deve conservare saperi sedimentati nel tempo, quelli della scuola veneziana e fiorentina, dei sarti assunti dai ceti nobili e delle massaie più umili. Bisogna infatti saper accordare in modo bilanciato varie tecniche e poi decidere quali colori scegliere, magari abbinandoli ad altri elementi d’arredo della casa.

Pizzi e merletti garantiscono un generale aspetto di curata eleganza. E si adattano ai gusti di tutti: se un lenzuolo di lino ricamato a mano può dare un tocco di classicità alla camera da letto, tratti sobri e lineari donano grazia anche agli ambienti più moderni.

L’arte del ricamo nel mondo

L’arte del ricamo accomuna culture di ogni dove e in qualsiasi Paese è possibile trovare biancheria da letto ricamata a mano. La comunità islamica, ad esempio, ha dato vita a stoffe con particolari decorazioni d’oro e d’argento, mentre i palestinesi hanno puntato su colorate greche dagli effetti ipnotici. In Centroamerica si confezionano invece variopinti copriletti che parlano di identità nazionale.

E poi c’è il mondo indiano, che unisce la tecnica del ricamo e quella della trapunta, così da riciclare materiali altrimenti inutilizzabili. Dal kantha bengalese si passa al macramé di Godavari, in cui i nodi dei sottili fili ecru si trasformano in pizzi leggeri, quasi ineffabili.

Se in Cina poi gli artisti della seta sono specializzati nella realizzazione di variopinte composizioni di fiori, animali ed esseri umani, in Giappone la tecnica Nui dô rappresenta una tecnica di ricamo dove vengono utilizzati i fili di seta o oro e argento.

Come lavare lenzuola ricamate

Se decidi quindi di inserire nella tua zona notte tessuti con delicate rifiniture, devi anche sapere come prendertene cura. Per lavare lenzuola ricamate a mano correttamente ti servirà conoscere come ammorbidire un lenzuolo antico: un bicchierino di bicarbonato di sodio o un lavaggio con aceto di vino bianco sono perfetti per addolcire le stoffe indurite dal tempo.

Per evitare di tirare i fili, invece, conviene usare un elettrodomestico affidabile, con una tecnologia avanzata. Lavatrici, lavasciuga e asciugatrici della I-Pro Series 7 di Haier possiedono un cestello speciale, il  Pillow Drum, la cui superficie è progettata per garantire che anche i tessuti più delicati rimangano in perfette condizioni.

Parlando di indumenti tailor made, dai capi in lana ricamati a mano ai tessili per la casa finemente decorati, puoi provare anche la nuovissima tecnologia a micro-vapore i-Refresh della lavasciuga Super Drum di Haier. Si tratta di un sistema efficiente che pulisce a fondo i tessuti, rimuovendo gli odori e riducendo le pieghe senza contatto diretto con l’acqua. Per le lenzuola potrai poi utilizzare la combinazione fra il Pillow Drum e il programma delicati con funziona antimacchia. I risultati sono assicurati!